domingo, 3 de novembro de 2013

La morte vivrà



La morte vivrà

Lunghi percorsi nelle ombre del Tennessee
rischi con amaro in Paradiso
vivo a morte da quando sono nato
Passano i giorni le notti del tuo sorriso

sulle labbra per ore
linee di sangue sul nostro modo
afflusso di sangue nel fiume
Il mio santuario nel loro nido

il buio torna alla vita
la rovina della stella re
la loro carne masticata partenza
la notte con il tuo sangue tostato

sepolto nel suono di sibilo
luzidos cavalli in campo osceno
Uccidete i baci serpente salvati
il suo corpo farcito nel mio veleno.

Arthur Nett
01/09/2011

Nenhum comentário:

Postar um comentário